Oggi a Roma all’Assemblea nazionale di Confartigianato Imprese nel 70esimo anniversario della sua costituzione.

Queste aziende rappresentano l’ossatura del sistema produttivo nazionale. Hanno capacità produttiva e creano occupazione. Ho raccolto le sollecitazioni giunte sia attraverso l’illustrazione delle criticità che le giuste strade intraprese dall’attuale Governo. Raccolgo altresì l’appello fatto al Governo e all’Europa per salvaguardare il Made in Italy che tutto il mondo invidia. Per il Governo il settore è determinante per favorire la ripresa. Ringrazio Confartigianato nella persona del suo Presidente Dottor Giorgio Merletti e il Dott. Impaloni per l’invito rivoltomi.

IL ‘DOPO DI NOI’ E’ LEGGE. APPROVATO IN VIA DEFINITIVA DALLA CAMERA DEI DEPUTATI

Oggi è una giornata molto importante per noi tutti e in particolare per le famiglie di persone con gravi disabilità. Infatti è giunto a conclusione, con il fattivo apporto di diverse forze politiche, l’iter parlamentare del disegno di legge del cosiddetto “Dopo di Noi” approvato in via definitiva dalla Camera dei Deputati. Come rappresentante di Governo sono particolarmente soddisfatta della risposta concreta che questo provvedimento fornisce a chi attende, da troppo tempo, disposizioni che individuino risorse e possibili percorsi per il “Dopo di Noi”. Sapere di avere contribuito ad alleviare le preoccupazioni di tante famiglie costituisce per me ragione di grande gioia.

Dopo di noi: da oggi le famiglie dei disabili gravi hanno risorse e strumenti per assicurare un futuro ai loro congiunti

Sono particolarmente soddisfatta perché da oggi le famiglie, che vivono con angoscia l’idea del futuro dei loro cari con grave disabilità pensando a quando verrà meno il loro sostegno, avranno risorse e strumenti per intraprendere non un percorso precostituito ma tanti diversi possibili percorsi, nell’interesse superiore dei loro congiunti. Il Senato ha approvato in seconda lettura il Disegno Di Legge definito “Dopo di Noi”.
Questo provvedimento è il risultato di un lavoro lungo, condiviso dalle diverse forze politiche che, al di là delle naturali contrapposizioni, hanno guardato ‘oltre’ nella consapevolezza, propria della buona politica, che il ‘Dopo di noi’ non ha colore perché, semplicemente, appartiene a tutti.
Il provvedimento passa ora all’esame della Camera dei Deputati per la definitiva approvazione