Archivi categoria: Attività politica

download

Giornata internazionale diritti infanzia e adolescenza: massimo impegno per raggiungere un obiettivo che appartiene a tutti

Il 20 novembre si è celebrata la Giornata internazionale per i diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, nella data in cui la Convenzione venne approvata dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite, nel 1989. Un documento di portata storica perché per la prima volta è stato affermato, in modo chiaro, che tutti i bambini, le bambine e gli adolescenti del mondo sono portatori di diritti specifici che devono essere riconosciuti e garantiti. A questi fondamentali principi bisognerà dedicare, ancora di più, il massimo impegno per garantire l’attuazione dei superiori diritti dei bambini e degli adolescenti. Si tratta di un obiettivo che non appartiene solo alla politica ma ad ognuno di noi perché parlando di questo si parla del futuro. Un futuro costruito nel rispetto di diritti propri di una certa fase della vita, la più delicata, creativa, importante è sicuramente un futuro migliore.

3

Biondelli riconfermata Sottosegretario al Welfare: “Proseguire sulla strada delle riforme”

Oggi a Palazzo Chigi per il giuramento a seguito del reincarico di Governo. Ringrazio il Presidente del Consiglio Paolo Gentiloni per la riconferma a Sottosegretario del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali. Conto di operare con lo stesso spirito di servizio e dedizione per completare le riforme che in tre anni abbiamo portato avanti grazie a Matteo Renzi. Ci attende un nuovo percorso proseguendo le battaglie già intraprese, con l’impegno e la collaborazione di tutti riprendiamo il lavoro sulla via delle #Riforme!

25 novembre Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne

La ricorrenza che si celebra in questa giornata impone più di una riflessione. Non dobbiamo infatti soffermarci, come accade per altre giornate celebrative, su eventi ricchi di significato, “cristallizzati” nel tempo, perché, purtroppo, la giornata contro la violenza alle donne rimanda ad una piaga ancora aperta.
Ognuno di noi, come persona innanzitutto, è chiamato a darsi una spiegazione di questo brutale fenomeno che ha radici complesse e, soprattutto, vede convivere aspetti diversi che vanno indagati.
Cercare di comprendere per orientare una cultura, soprattutto per le nuove generazioni, che non contempli, nell’ambito delle relazioni, la sopraffazione e’ un impegno che ci vede tutti in prima linea.
Come rappresentante di governo reputo fortemente positivo il lavoro che sta svolgendo la Cabina di regia interistituzionale del Piano straordinario contro la violenza sessuale e di genere di cui faccio parte, in quanto la presenza contemporanea di diversi rappresentanti istituzionali permette l’elaborazione di piani di intervento nei settori maggiormente strategici. E’ questa credo la strada che sulla base dell’attenzione e del confronto continuo potrà condurci, senza mai abbassare la guardia, a cogliere i frutti di una maggiore consapevolezza.